Dolce & Gabbana p/e 2005: L'Africa

La notizia della morte di Richard Avedon raggiunse Milano, proprio mentre Domenico Dolce e Stefano Gabbana si complimentavano con Meisel per l'ottimo lavoro della sfilata  p/e 2005.

Inizialmente ispirata da un viaggio in Sud Africa, Botswana e Zimbabwe la collezione p/e è stata anche un tributo al lavoro fotografico di Avedon e del leggendario Irving Penn.

Nel corso degli anni, la firma distintiva Dolce & Gabbana è sempre stato l'animal print e nella collezione c'era forse solo un abito che non incorporava il tema animalier.

Pezzi di Safari, dettagli affascinanti come bordature tribali africane, pizzi, piume, frange e ricami di cristallo, mentre una sexy stampa pitone era un cenno ovvio ad Avedon che nel 1981 fotografò un pitone birmano avvolto intorno al corpo nudo di Nastassja Kinki. 

Quando giunse il momento di girare la campagna pubblicitaria, Steven Meisel fotografò i modelli ( Bianca Balti, Katja Shchekina, Marija Vujovic, Jeremy Dufour, Noah Mills, Julien Hedquist e David Smith) come una vera e propria tribù. L'obbiettivo di Meisel, nella creazione della memorabile campagna, fu quello di evidenziare la natura esotica della collezione. 

Glamourosi pezzi in stampa animalier sono stati fotografati su uno sfondo grintoso producendo delle immagini uniche e differenti da qualsiasi altra cosa vista nelle precedenti campagne pubblicitarie Dolce & Gabbana campagne.

Bagliori sfocati di colore, un'atmosfera sessualmente bizzarra e incredibilmente lunatica ... la campagna pubblicitaria Dolce & Gabbana p/e 2005 rimarrà unica nel suo genere.

1 commento:

Miky ha detto...

Molto bella e molto forte, senza essere volgare, come campagna...

Related Posts with Thumbnails

Best Post You Love